A Milano un seminario su Terzo Settore e comunicazione

Se non racconti la tua storia, qualcun altro la racconterà per te. Se non usi le parole adatte, le parole d’odio travolgeranno la tua storia. Trovare le parole adatte è necessario. Raccontare la propria storia con quelle parole lo è ancora di più. È necessario soprattutto oggi che hate speech e fake news sono state sdoganate anche sul piano istituzionale.
Soprattutto nel contesto di un’azione civile e umanitaria che, coinvolgendo l’intero sistema del Terzo settore, rischia di compromettere quell’azione, non solo la sua immagine. Ma le campagne di contrasto non bastano. Occorre andare oltre, dotandosi di strumenti ibridi (tra comunicazione, cyberpsicologia e tecniche di gestione del conflitto) e consapevolezza che la tempesta d’odio e discredito che sta colpendo le ONG è solo la prima fase di un abuso di media e social media che rischia di intensificarsi nel futuro prossimo.
Per questo – è l’invito che ci manda Arjun Appadurai, uno dei massimi antropologi contemporanei - «dobbiamo scommettere sulle parole». Scommettere «affinché abbiano un senso» e, con narrazioni coerenti e strumenti sempre nuovi, sfidino i discorsi d’odio suo loro terreno. Dettando però la linea di nuove narrazioni.
Per farlo e per dar corpo a una comunicazione efficace occorre tanto lavoro comune e tantissima voglia di rimettersi in gioco. Un lavoro e una voglia che sono al centro del secondo modulo de Le cose che non ti ho detto, spazio di condivisione e pratica di comunicazione civile organizzato da Vita in collaborazione con il Politecnico di Milano (qui la news sul primo modulo del seminario).
Si terrà a Milano i prossimi 1 e 2 ottobre. Gestite dal gruppo di lavoro coordinato dalla professoressa Elena Granata del Politecnico di Milano, le due giornate vedranno la presenza, tra gli altri, di Alessandro Sortino, autore e conduttore televisivo che ci aiuterà a capire le trappole del “montaggio” televisivo, e Luca Doninelli, scrittore, drammaturgo e vincitore del premio selezione Campiello 2016, che ci aiuterà a capire il lavoro sulle parole.
Le giornate consisteranno inoltre in un laboratorio pratico su come impostare una media strategy e implementare una narrazione efficace e coerente (una #comunicazionecivile) in contesti particolarmente critici (per la reputazione, ma non solo) delle organizzazioni della società civile.
Per informazioni, per il programma dettagliato e per iscriversi al seminario Le cose che non ti ho detto, che si terrà a Milano, presso l’Abbazia di Mirasole, i prossimi 1 e 2 ottobre scrivete all’indirizzo [email protected] Vi forniremo tutte le indicazioni pratiche, anche per l’eventuale pernottamento: è possibile infatti alloggiare nelle moderne stanze dell’Abbazia.
news
La posizione delle ASD e SSD di fronte alla riforma del Terzo Settore
22-12-2018
Secondo quanto già previsto dalla Riforma del Terzo settore, come da testo dei dlgs. 112/2017 e 117...leggi tutto
Attività formativa per Enti del terzo settore
08-11-2018
ALESSANDRIA – Prosegue l’attività di formazione del CSVAA proposta agli Enti del Terzo Settore....leggi tutto
Data integration: arriva il «passaporto digitale» per il Terzo Settore firmato Italia non profit
08-11-2018
Che farsene di un documento? Tante cose, soprattutto se facilita la vita e riduce le disuguaglianze ...leggi tutto
Riforma del Terzo Settore: come cambieranno le Associazioni?
08-11-2018
Fornire supporto alla propria rete associativa, ma anche agli altri Enti che fanno riferimento alla ...leggi tutto
Terzo settore: fino al 30 novembre le domande per i contributi
08-11-2018
Livorno – Fino al 30 novembre 2018 le associazioni e gli altri soggetti del Terzo Settore possono...leggi tutto
Terzo settore: 62 milioni per iniziative di livello nazionale e locale
08-11-2018
(Regioni.it 3476 - 18/10/2018) “Le Regioni hanno dato l’intesa all’atto di indirizzo con cui s...leggi tutto