Terzo Settore, Ermete Realacci rilancia il Manifesto di Assisi

Nel talk online “L’Italia che verrà” Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola e Mauro Lusetti, presidente Alleanza delle Cooperative Italiane, hanno rilanciato il Manifesto di Assisi per un’economia più a misura d’uomo contro la crisi.“In questo difficile passaggio – ha detto Realacci – abbiamo capito l’importanza del sistema sanitario, dell’agroalimentare, dello smartworking, della formazione a distanza, di alcune politiche pubbliche. E il fondamentale ruolo della coesione sociale e del terzo settore. La tenuta delle comunità è stata importante per affrontare l’emergenza ma lo è anche per ripartire. Bisogna colmare le disuguaglianze che sono emerse con la pandemia inclusa quella della diffusione della banda larga su tutto il territorio nazionale, a partire dai piccoli comuni. In particolare nei territori minori è importante il ruolo che stanno assumendo le cooperative di comunità”.“In Italia – ha aggiunto – la forza dell’economia, nei secoli, si è costruita in un incrocio tra comunità, innovazione, bellezza: per Carlo Maria Cipolla nella capacità di “produrre all’ombra dei campanili cose belle che piacciono al mondo”. Occorre costruire un’economia e una società più a misura d’uomo, conviene in particolare al nostro Paese soprattutto nelle crisi che stiamo attraversando. Le scelte dell’Europa sul green deal ci aiutano in questa direzione. Perché l’Italia è forte quando fa l’Italia, quando, cioè, unisce le sfide del futuro e dell’innovazione con la sua cultura antica fondata su quel tessuto di comunità locali, territori, storie e paesaggi che l’agricoltura ha segnato in modo unico, alla base della forza del brand Italia nel mondo è fortissimo, e lo è molto più di quanto pensiamo”.“Per far questo – ha concluso Realacci – occorre un impegno congiunto della cooperazione, delle imprese coesive e del terzo settore per permettere e rafforzare la ripresa. Con il Sacro Convento di Assisi, a partire dal seminario estivo di fine luglio, chiameremo a raccolta quanti in questo periodo hanno compiuto atti concreti per difendere le comunità dall’epidemia e in favore dell’ambiente. È nostro compito, di coloro che hanno promosso i valori del Manifesto di Assisi, cercare di costruire un mondo più sicuro, più a misura d’uomo, più civile e più gentile. Senza lasciare indietro nessuno, senza lasciare solo nessuno”.
news
La posizione delle ASD e SSD di fronte alla riforma del Terzo Settore
22-12-2018
Secondo quanto già previsto dalla Riforma del Terzo settore, come da testo dei dlgs. 112/2017 e 117...leggi tutto
Attività formativa per Enti del terzo settore
08-11-2018
ALESSANDRIA – Prosegue l’attività di formazione del CSVAA proposta agli Enti del Terzo Settore....leggi tutto
Data integration: arriva il «passaporto digitale» per il Terzo Settore firmato Italia non profit
08-11-2018
Che farsene di un documento? Tante cose, soprattutto se facilita la vita e riduce le disuguaglianze ...leggi tutto
Riforma del Terzo Settore: come cambieranno le Associazioni?
08-11-2018
Fornire supporto alla propria rete associativa, ma anche agli altri Enti che fanno riferimento alla ...leggi tutto
Terzo settore: fino al 30 novembre le domande per i contributi
08-11-2018
Livorno – Fino al 30 novembre 2018 le associazioni e gli altri soggetti del Terzo Settore possono...leggi tutto
Terzo settore: 62 milioni per iniziative di livello nazionale e locale
08-11-2018
(Regioni.it 3476 - 18/10/2018) “Le Regioni hanno dato l’intesa all’atto di indirizzo con cui s...leggi tutto