Il ministero: uno Statuto ampio deve essere egualmente ben definito

Nella nota n. 3650 del 2019, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali specifica i criteri di trasparenza cui devono attenersi gli associati degli enti del Terzo settore iscritti al Registro Unico Nazionale nella individuazione dell’oggetto sociale da riportare nello Statuto. Seppure ammettendo la possibilità di prevedere una ampia gamma di attività da svolgere, è indispensabile che sia rispettata la prevalenza delle attività di interesse generale e non è possibile inserire in elenco tutte le attività ammesse dalla norma di legge che regolamenta tali enti.

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali interviene, con la nota n. 3650 del 12 aprile 2019, con riferimento alle modalità secondo le quali gli enti del Terzo settore, anche di nuova costituzione, sono chiamate a individuare statutariamente le attività di interesse generale.
Lo svolgimento, in via esclusiva o principale, di una o più attività di interesse generale è uno degli elementi che connotano unitamente alla finalità e all’assenza dei fini di lucro, gli enti che appartengono al Terzo settore, per effetto della qualificazione conseguita attraverso l’iscrizione al RUNTS.
Tale registro ha la funzione di garantire la conoscibilità degli atti e fatti rilevanti e la trasparenza sulle attività svolte, sui risultati conseguiti, nonché sull’impiego delle risorse, sia di provenienza pubblica che di provenienza privata, che gli enti acquisiscono in conseguenza delle attività stesse.
E’ certamente possibile esercitare e prevedere di esercitare attività diverse, ma l’individuazione “di una o più attività di interesse generale” non può certamente esplicarsi nell’inserimento pedissequo, nello statuto, di un elenco di tutte le attività previste dall’articolo 5 del D. Lgs. n. 117/2017: in questo caso infatti l’oggetto sociale resterebbe, di fatto, indefinito.
In ogni caso, l’autonomia garantita a tali enti non può portare ad eludere gli obblighi di trasparenza e conoscibilità nei confronti dei terzi o il diritto degli associati di aderire ad una compagine di cui siano chiaramente individuate attività e finalità. E’ inoltre possibile modificare l’oggetto sociale inserendo nuove attività o eliminando attività che l’ente non ritiene più di svolgere, sempre nel rispetto del principio di democraticità e trasparenza.
news
La posizione delle ASD e SSD di fronte alla riforma del Terzo Settore
22-12-2018
Secondo quanto già previsto dalla Riforma del Terzo settore, come da testo dei dlgs. 112/2017 e 117...leggi tutto
Attività formativa per Enti del terzo settore
08-11-2018
ALESSANDRIA – Prosegue l’attività di formazione del CSVAA proposta agli Enti del Terzo Settore....leggi tutto
Data integration: arriva il «passaporto digitale» per il Terzo Settore firmato Italia non profit
08-11-2018
Che farsene di un documento? Tante cose, soprattutto se facilita la vita e riduce le disuguaglianze ...leggi tutto
Riforma del Terzo Settore: come cambieranno le Associazioni?
08-11-2018
Fornire supporto alla propria rete associativa, ma anche agli altri Enti che fanno riferimento alla ...leggi tutto
Terzo settore: fino al 30 novembre le domande per i contributi
08-11-2018
Livorno – Fino al 30 novembre 2018 le associazioni e gli altri soggetti del Terzo Settore possono...leggi tutto
Terzo settore: 62 milioni per iniziative di livello nazionale e locale
08-11-2018
(Regioni.it 3476 - 18/10/2018) “Le Regioni hanno dato l’intesa all’atto di indirizzo con cui s...leggi tutto