La rivista del CNDC dedica alla Riforma del Terzo Settore il nuovo numero

Riforma del terzo settore, oggi, 19 dicembre 2019 è stato diffuso il nuovo numero dell’informativa periodica del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e della Fondazione Nazionale Commercialisti.

La nuova pubblicazione esamina diversi aspetti della riforma del terzo settore.

Nello specifico il tema del no profit e tutte le novità legislative ed interpretative sono analizzate attraverso quattro punti di vista:

lo stato dell’arte;
le evoluzioni interpretative ministeriali;
il bilancio sociale e la valutazione dell’impatto sociale;
i pronunciamenti dell’amministrazione finanziaria.
Nel numero è dunque preso in esame il livello di attuazione della riforma, le nuove problematiche operative, le linee guida per l’adozione del bilancio sociale per gli enti del terzo settore, il concetto di valutazione dell’impatto sociale e i pronunciamenti di carattere finanziario legati alla tipologia di ente.

La nuova pubblicazione prende in esame la riforma del terzo settore e gli enti no profit sotto diversi aspetti.

Il documento è stato diffuso attraverso il comunicato stampa del 19 dicembre 2019.

Di seguito il testo:

“INFORMATIVA PERIODICA DEL CONSIGLIO E DELLA FONDAZIONE NAZIONALE DEI COMMERCIALISTI: LE OPPORTUNITÀ PER I PROFESSIONISTI DALLA RIFORMA DEL TERZO SETTORE

Lo studio fornisce un’analisi degli aspetti più significativi della riforma

Roma 19 dicembre 2019

Il Consiglio e la Fondazione Nazionale dei Commercialisti hanno pubblicato l’informativa periodica “No Profit”, che ha focalizzato l’attenzione sulla Riforma del Terzo Settore. Un ambito di grande interesse per il mondo delle professioni e l’attività dei commercialisti, che si evolve in modo talmente rapido da obbligare a una continua ricerca e analisi delle migliori interpretazioni disponibili, per poter gestire gli aspetti operativi che risultano più impellenti e rilevanti ai fini della piena implementazione della riforma stessa.


Il Consiglio Nazionale -in coordinamento tra area no profit e area principi contabili, principi di revisione e sistem
Contestualmente, è stato avviato un percorso di sviluppo in materia di rendicontazione finanziaria che possa essere in grado di produrre specifici “Principi contabili per gli enti del Terzo settore”. Il compito di stesura dei principi spetta all’Organismo Italiano della Contabilità, standard setter nazionale. Il progetto, ancora in fieri, dovrebbe garantire, a seguito della futura pubblicazione del decreto ministeriale inerente la “modulistica del bilancio di esercizio degli Ets non commerciali” di cui all’articolo 13, comma 3 del d.lgs 117/2017, la definizione di un framework contabile di riferimento in grado di rendere i trattamenti contabili omogenei e consolidati nel settore.

I contatti intrattenuti con Assirevi portano inoltre a prevedere che ai principi contabili di settore seguiranno anche alcuni Principi dedicati alla revisione legale degli Enti del Terzo settore. Normativa sul bilancio di esercizio, principi contabili e principi di revisione verranno alla luce nel corso del 2020 e saranno perciò applicabili a partire dai bilanci dell’esercizio iniziato dopo la loro pubblicazione, vale a dire per gli enti con esercizio allineato con l’anno solare dal 2021. Ancora, restano da chiarire alcuni aspetti concernenti l’interpretazione della disciplina delle imposte sui redditi degli Enti del Terzo settore. In particolare, appare di assoluta centralità inquadrare in modo corretto e chiaro il disposto dell’articolo 79 del Cts, che ne definisce la natura commerciale o non commerciale. Per tale motivo il Consiglio sta intrattenendo una serie di interlocuzioni con i soggetti istituzionali interessati al tema, in modo da poter esaminare le diverse letture della norma e, nel caso, proporre le soluzioni che appaiono più congeniali per quanto possibile ad una applicazione semplice e coerente alla ratio della norma.


Quattro le sezioni in cui è divisa l’informativa. Nella prima si analizza lo Stato dell’arte della riforma che si avvia verso la fase operativa. Dopo i decreti principali (D.lgs. n. 117/2017 – Codice del Terzo settore o CTS – e D.lgs. n. 112/2017 – riforma dell’impresa sociale) e i provvedimenti correttivi, inizia a prendere forma il Registro unico nazionale del Terzo settore (RUNTS), il cui schema di decreto attuativo è in fase di lavorazione. Come noto, la riforma segue differenti step di attuazione, legati principalmente alla necessità di istituire il Registro ed ottenere l’autorizzazione della Commissione europea sui nuovi regimi fiscali.

Un altro paragrafo è dedicato all’inquadramento delle evoluzioni interpretative ministeriali con l’analisi di alcune Circolari e note Direttoriali pubblicate dal Ministero del Lavoro dal maggio scorso ad oggi. Spazio poi ai principali aspetti collegati alle nuove previsioni in materia di bilancio sociale e valutazione dell’impatto sociale. Infine, chiude l’informativa, una sezione dedicata i più recenti Pronunciamenti dell’Agenzia delle Entrate sul comportamento che gli Ets “temporanei” devono mantenere nel periodo transitorio.

L’informativa integrale è disponibile online sul sito della Fondazione Nazionale dei Commercialisti.”
news
La posizione delle ASD e SSD di fronte alla riforma del Terzo Settore
22-12-2018
Secondo quanto già previsto dalla Riforma del Terzo settore, come da testo dei dlgs. 112/2017 e 117...leggi tutto
Attività formativa per Enti del terzo settore
08-11-2018
ALESSANDRIA – Prosegue l’attività di formazione del CSVAA proposta agli Enti del Terzo Settore....leggi tutto
Data integration: arriva il «passaporto digitale» per il Terzo Settore firmato Italia non profit
08-11-2018
Che farsene di un documento? Tante cose, soprattutto se facilita la vita e riduce le disuguaglianze ...leggi tutto
Riforma del Terzo Settore: come cambieranno le Associazioni?
08-11-2018
Fornire supporto alla propria rete associativa, ma anche agli altri Enti che fanno riferimento alla ...leggi tutto
Terzo settore: fino al 30 novembre le domande per i contributi
08-11-2018
Livorno – Fino al 30 novembre 2018 le associazioni e gli altri soggetti del Terzo Settore possono...leggi tutto
Terzo settore: 62 milioni per iniziative di livello nazionale e locale
08-11-2018
(Regioni.it 3476 - 18/10/2018) “Le Regioni hanno dato l’intesa all’atto di indirizzo con cui s...leggi tutto