Villa San Giovanni (RC): Terzo Settore preoccupato per il crescente disagio sociale

“La situazione economica nazionale si riflette anche sulla comunità villese. Permane lo stato di disagio economico di molte famiglie che giornalmente si presentano presso gli uffici dei servizi sociali per chiedere contributi economici e sussidi vari. Importante sarà l’attività di Associazioni di volontariato che operano nel territorio comunale che svolgono una funzione sussidiaria a quella del Comune che dovrà essere sostenuta finanziariamente per un mirato raggiungimento degli obiettivi di solidarietà”.


“A fare queste affermazioni non è la Consulta Comunale del Terzo Settore di Villa San Giovanni bensì il DUP (documento unico di programmazione) del Comune di Villa San Giovanni adottato per gli anni 2017-2019″- lo afferma la presidente della Consulta comunale del Terzo Settore Annalisa Arena.

“Anche il Piano Esecutivo di Gestione (altro importantissimo documento dell’Amministrazione approvato nel gennaio u.s.) nell’evidenziare l’aumento del disagio sociale e dei bisogni degli indigenti– evidenzia la presidente- pone tra le priorità strategiche anche il miglioramento degli interventi sociali, l’attenzione al mondo dell’associazionismo, l’eliminazione delle barriere architettoniche.

Affermazioni in tutto condivisibili dagli organismi che partecipano alla sopracitata Consulta ma che, nei fatti, sono amaramente smentite dal Bilancio di Previsione redatto dall’odierna Amministrazione comunale.

Dunque– prosegue- non poteva che essere negativo il parere espresso dalla Consulta Comunale del Terzo Settore sul Bilancio di Previsione 2019. Nel corso di un incontro tenutosi lo scorso giovedì 21 marzo, la Consulta ha evidenziato al sindaco Giovanni Siclari, alla vice Maria Grazia Richichi e al Segretario generale (anche responsabile ad interim dei Servizi sociali) tutte le incongruenze tra quanto dichiarato in quei documenti di programmazione politica e amministrativa e il bilancio di previsione 2019, che contrariamente ai bellissimi principi enunciati, mortifica ulteriormente i bisogni dei cittadini e il settore delle politiche e dei servizi sociali.

Ad essi l’Amministrazione ha destinato lo 0,42% delle somme in bilancio, pari a 63.700 euro. Il 47% in meno dei precedenti già miseri esercizi finanziari (nel 2017 erano previsti 118 mila euro).

Solo a titolo esemplificativo Arena evidenzia alcune voci importanti: “10mila euro per l’assistenza agli indigenti e persone bisognose (erano 27.500 nel bilancio di previsione 2017); più nessun contributo al Masci 1 per l’onorevole gestione del Parco P. Pizzimenti; decurtato di un terzo il contributo al Progetto Amico che ospita i senza tetto e offre un pasto anche ai cittadini in difficoltà.

Neanche un euro per le politiche giovanili. Non un soldo per le politiche in favore della popolazione anziana. Tutto ciò a fronte, rispetto al 2018, di un aumento delle spese per le indennità di Sindaco, Assessori e Presidente del Consiglio per 33mila euro. Evidentemente sono queste le priorità e i servizi essenziali!

E si potrebbe ancora continuare capitolo per capitolo e spesa per spesa tra voci per commissioni non ancora esistenti e per servizi di telefonia e luce da far seriamente riflettere.

Né la Consulta si fa ingannare da quei capitoli di spesa dove, invece, i soldi sono appostati.

Per l’abbattimento delle barriere architettoniche, per esempio, il bilancio prevede circa 87mila euro. Sono i medesimi del 2018 e di anni precedenti. Né tantomeno la voce di bilancio viene incrementata nonostante le leggi vigenti obblighino gli enti nel destinare a questa voce una percentuale degli oneri di urbanizzazione e delle multe stradali.

La posizione della Consulta è chiara e non condivide il disimpegno dell’Amministrazione


news
La posizione delle ASD e SSD di fronte alla riforma del Terzo Settore
22-12-2018
Secondo quanto già previsto dalla Riforma del Terzo settore, come da testo dei dlgs. 112/2017 e 117...leggi tutto
Attività formativa per Enti del terzo settore
08-11-2018
ALESSANDRIA – Prosegue l’attività di formazione del CSVAA proposta agli Enti del Terzo Settore....leggi tutto
Data integration: arriva il «passaporto digitale» per il Terzo Settore firmato Italia non profit
08-11-2018
Che farsene di un documento? Tante cose, soprattutto se facilita la vita e riduce le disuguaglianze ...leggi tutto
Riforma del Terzo Settore: come cambieranno le Associazioni?
08-11-2018
Fornire supporto alla propria rete associativa, ma anche agli altri Enti che fanno riferimento alla ...leggi tutto
Terzo settore: fino al 30 novembre le domande per i contributi
08-11-2018
Livorno – Fino al 30 novembre 2018 le associazioni e gli altri soggetti del Terzo Settore possono...leggi tutto
Terzo settore: 62 milioni per iniziative di livello nazionale e locale
08-11-2018
(Regioni.it 3476 - 18/10/2018) “Le Regioni hanno dato l’intesa all’atto di indirizzo con cui s...leggi tutto