Appello di ACLI: tempi certi per la Riforma del Terzo Settore

“Al Terzo Settore non servono altre proroghe e altre incertezze, servono tempi certi e regole chiare” questo l'appello che Acli Toscana rivolge ai parlamentari toscani presenti in Parlamento. “Come sappiamo – spiega Elena Pampana, membro della presidente regionale e Responsabile della Funzione Sviluppo Associativo delle Acli Toscane – la Riforma del Terzo Settore prevede l'adeguamento degli statuti entro il prossimo 3 agosto. Questo termine ora vogliono allungarlo al 30 giugno 2020 con un emendamento al decreto crescita. Come Acli vediamo con molta preoccupazione la proroga perché da una parte penalizza chi si è già attivato per mettersi in regola e dall'altra arresta un meccanismo che si è già messo in moto senza dare alcuna certezza su come verrà gestito lo slittamento della decorrenza. Nessuno infatti a oggi è in grado di sapere come verranno gestite le Associazioni che non hanno adeguato lo statuto se il Registro unico entra in vigore prima. Su questo chiedo ai deputati e ai senatori toscani di farsene carico”. “Proprio per questo motivo come Acli stiamo continuando l’opera di adeguamento non tenendo conto del possibile slittamento dei termini, anche perché il termine del 3 agosto era stato fissato quasi un anno fa. Per questo ai nostri Parlamentari toscani non chiediamo ulteriori slittamenti, ma tempi certi per la completa attuazione della Riforma.” “C'è poi la questione che si aprirebbe se il Registro Unico del Terzo Settore entrasse in funzione prima del 30 giugno si parla di marzo 2020, - aggiunge Pampana - perché chi è iscritto ai registri regionali o nazionale della promozione sociale verrebbe automaticamente passato dai registri al Registro unico che poi avrebbe 180 giorni per verificare gli statuti ed emettere il provvedimento definitivo di iscrizione. E anche in questo caso non è chiaro come si comporterebbero i funzionari del Registro nel caso in cui si trovassero di fronte uno statuto non ancora adeguato”. “Sarebbe quindi opportuno che il tempo fosse impiegato per completare la Riforma piuttosto che per diluire i tempi di attuazione andando peraltro a penalizzare coloro che invece si sono già messi in regola”. Conclude Pampana.

news
La posizione delle ASD e SSD di fronte alla riforma del Terzo Settore
22-12-2018
Secondo quanto già previsto dalla Riforma del Terzo settore, come da testo dei dlgs. 112/2017 e 117...leggi tutto
Attività formativa per Enti del terzo settore
08-11-2018
ALESSANDRIA – Prosegue l’attività di formazione del CSVAA proposta agli Enti del Terzo Settore....leggi tutto
Data integration: arriva il «passaporto digitale» per il Terzo Settore firmato Italia non profit
08-11-2018
Che farsene di un documento? Tante cose, soprattutto se facilita la vita e riduce le disuguaglianze ...leggi tutto
Riforma del Terzo Settore: come cambieranno le Associazioni?
08-11-2018
Fornire supporto alla propria rete associativa, ma anche agli altri Enti che fanno riferimento alla ...leggi tutto
Terzo settore: fino al 30 novembre le domande per i contributi
08-11-2018
Livorno – Fino al 30 novembre 2018 le associazioni e gli altri soggetti del Terzo Settore possono...leggi tutto
Terzo settore: 62 milioni per iniziative di livello nazionale e locale
08-11-2018
(Regioni.it 3476 - 18/10/2018) “Le Regioni hanno dato l’intesa all’atto di indirizzo con cui s...leggi tutto