Cambiamenti climatici: come incidono sul Terzo Settore

Il 2020 sicuramente rimarrà nella storia come un anno di forti cambiamenti.

Il Covid-19 ha portato inevitabilmente ognuno di noi a riadattare la propria vita alla nuova normalità e gli enti di terzo settore non ne sono esenti.

Intervista a “Fridays For Future Alicante”
Dopo 7 mesi dall’inizio della pandemia in Spagna, abbiamo ritenuto opportuno comprendere come vivono la pandemia gli enti di terzo settore.

Ci siamo rivolti a Fridays For Future Alicante, un gruppo di 12 giovani che, seppure attivo dal 2019, è divenuto ufficialmente associazione nel settembre 2020.

Héctor e Marina, rispettivamente coordinatore/segretario e tesoriera dell’associazione, ci hanno aiutati a definire difficoltà e opportunità che il settore vive in questo momento.

FFF (Fridays For Future) si trovava nel processo costitutivo quando è iniziata la pandemia. Attività che avevano richiesto un grande sforzo organizzativo da parte dei/delle volontari/e (laboratori, manifestazioni e giornate a tema ambientale) sono sfumate a causa del lockdown.

Attività durante il Covid-19
Il Movimento Fridays For Future, nato nell’agosto 2018, ha sempre contato su una forte partecipazione giovanile in presenza. Per questo motivo, una volta arrivato il Covid-19, FFF Alicante ha cercato alternative che potessero continuare a coinvolgere persone seppure da casa.

Nascono così attività come ExpoClima: Drawing For Future, Cultívate per coltivare delle verdure in casa, condivisione di infografiche per sensibilizzare sul cambiamento climatico e coinvolgere persone nel movimento.

Per quanto riguarda la manifestazione globale del 24 Aprile, Fridays For Future Spagna ha creato un global strike virtuale su Twitter per continuare a sensibilizzare sulle tematiche ambientali.

Con la modalità online, FFF Alicante ha avuto la possibilità di estendere il proprio pubblico: se infatti le attività in presenza contavano principalmente sulla presenza di giovani studenti liceali e universitari, adesso sempre più famiglie si interessano ai loro laboratori. Combattere la noia in casa attraverso laboratori creativi, incontri online con esperti e studiosi dei cambiamenti climatici ha aiutato grandi e piccoli ad apprendere cose nuove.

Marina ed Héctor sono consapevoli del fatto che la modalità online ci accompagnerà ancora per qualche tempo e che forse dovrà coesistere con quella offline. Per il prossimo anno sperano di poter realizzare un fine settimana sull’ambiente con laboratori, incontri con esperti, stand di negozi sostenibili di Alicante e musica che possa coinvolgere grandi e bambini.

Ambiente e Covid-19
Durante il lockdown, l’ambiente ha avuto la possibilità di tornare a “respirare”. La limitazione degli spostamenti, il blocco della produzione e l’isolamento in casa hanno favorito un momento di pausa al continuo inquinare l’ambiente che ci circonda.

Purtroppo, una volta terminato il lockdown, lo sfruttamento ambientale è ricominciato con maggiore forza, essendosi anche aggiunto l’utilizzo di materiali monouso come mascherine e guanti che impattano ulteriormente a livello ambientale.

Abbiamo chiesto a Marina ed Héctor come valutano questa situazione a livello di impatti ambientali. Già prima della pandemia, tra gli obiettivi di Fridays For Future c’era il contrasto all’utilizzo di materiali monouso e monodose che incontrava molte difficoltà nell’essere raggiunto. Adesso, in un momento in cui tali indicazioni vengono date a livello sanitario, diventa ancora più arduo avvicinarsi almeno a una riduzione di tale rifiuti.

La pandemia ha portato fortunatamente a riscoprirci solidali e uniti nel fronteggiare questa situazione per far sì che finisca il prima possibile. C’è stata una collaborazione tra cittadini e istituzioni per combattere il virus. Ciò dimostra che se la causa merita e ci impegniamo tutti insieme, possiamo raggiungere gli obiettivi.

Héctor prossimamente parteciperà a titolo individuale al MockCop, un incontro di giovani provenienti da tutto il mondo. Lo scopo è la definizione di linee d’azione sul tema ambientale che possano avere un impatto nelle politiche mondiali.

FFF è stato creato dai giovani per i giovani e la pandemia sembra averci detto molto su quanto le azioni in difesa dell’ambiente siano necessarie. Ma il messaggio importante riguarda proprio i giovani e il loro impegno, che può diventare fondamentale quando si attivano per migliorare la propria società.

news
La posizione delle ASD e SSD di fronte alla riforma del Terzo Settore
22-12-2018
Secondo quanto già previsto dalla Riforma del Terzo settore, come da testo dei dlgs. 112/2017 e 117...leggi tutto
Attività formativa per Enti del terzo settore
08-11-2018
ALESSANDRIA – Prosegue l’attività di formazione del CSVAA proposta agli Enti del Terzo Settore....leggi tutto
Data integration: arriva il «passaporto digitale» per il Terzo Settore firmato Italia non profit
08-11-2018
Che farsene di un documento? Tante cose, soprattutto se facilita la vita e riduce le disuguaglianze ...leggi tutto
Riforma del Terzo Settore: come cambieranno le Associazioni?
08-11-2018
Fornire supporto alla propria rete associativa, ma anche agli altri Enti che fanno riferimento alla ...leggi tutto
Terzo settore: fino al 30 novembre le domande per i contributi
08-11-2018
Livorno – Fino al 30 novembre 2018 le associazioni e gli altri soggetti del Terzo Settore possono...leggi tutto
Terzo settore: 62 milioni per iniziative di livello nazionale e locale
08-11-2018
(Regioni.it 3476 - 18/10/2018) “Le Regioni hanno dato l’intesa all’atto di indirizzo con cui s...leggi tutto